Metro Manila di Sean Ellis: la recensione

Il britannico Sean Ellis mostra una capitale filippina senza via d’uscita; un’amorale viaggio che conduce alla ridefinizione di vittima e carnefice. Tuttavia l’impressione è quella di osservare un film didascalico, che indugia troppo sulla fragilità dei rapporti umani e che perde progressivamente ritmo.