Prima di domani di Ry Russo-Young: la recensione

Giorno della marmotta in versione young adult, Prima di domani è superficiale e banale. Il messaggio che vuole trasmettere è anche giusto (accogliere il buonumore, non giudicare gli altri e voler essere una persona migliore in una società che vuole solamente appiccicarti un’etichetta addosso), tuttavia c’è la vaga impressione che l’intera struttura sia eccessivamente forzata e stucchevole.

Jersey Boys di Clint Eastwood: la recensione

Diretto da Clint Eastwood, Jersey Boys è un biografico, apparentemente, senza spessore, che esibisce uno sguardo privilegiato e biunivoco. La pellicola scivola via senza colpo ferire e ciò che viene approfondito superficialmente è il microcosmo mafioso che ruota attorno al quartetto dei Four Seasons. È possibile che la produzione del prodotto, affidata a due componenti del quartetto (Frankie Valli e Bob Gaudio), abbia influito?