Aspettando il re di Tom Tykwer: la recensione

Commedia surreale diretta da Tom Tykwer, Aspettando il re si aggrappa forzatamente alla professionalità di Tom Hanks (attore a tutto tondo in grado d’infondere un lieve romanticismo in questa storia ai confini della realtà) e grazie a ciò riesce a essere minimamente coinvolgente. Diversamente si sarebbe assistito a una vicenda innocua, senza nerbo e priva di attrattiva.

Sieranevada di Cristi Puiu: la recensione

Ritratto sociale della Romania attraverso tre generazioni a confronto, Sieranevada (presentato a Cannes 69) è un affresco familiare estenuante e illuminante allo stesso tempo. Un prodotto non di facile fruizione, che però si dimostra in grado di toccare vari argomenti e di disegnare (con puntuale maestria) la psicologia di ogni personaggio, che intanto attende la cena con trepidazione.

Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni: la recensione

Illuminante commedia diretta da Francesco Bruni, Tutto quello che vuoi mette in scena la strana amicizia tra un giovane scapestrato e un anziano poeta lievemente malato d’Alzheimer, quest’ultimo impersonato dal regista Giuliano Montaldo. Il risultato è una pellicola coinvolgente e ironica, nella quale l’affetto reciproco apre nuovi orizzonti soprattutto per il ragazzo, interpretato da un sorprendente Andrea Carpenzano.