Auguri per la tua morte di Christopher Landon: la recensione

Palese omaggio a Ricomincio da capo, Auguri per la tua morte si fa notare nel panorama horror come un prodotto che sa prendersi in giro senza scadere nel ridicolo. Un pregio su cui il genere deve riflettere, senza snaturarsi, per raggiungere nuove fette di pubblico.

Annunci

Amityville – Il risveglio di Franck Khalfoun: la recensione

Film dedicato a una delle case più famose del genere horror, legata indissolubilmente a una leggenda metropolitana impossibile da verificare, Amityville  – Il risveglio è il classico prodotto che sarebbe in grado di far spaventare il pubblico con ogni sua demoniaca apparizione, invece si dimostra un susseguirsi di visioni e stranezze, che portano tutte allo stesso obiettivo: mettere in scena un nuovo massacro ad Amityville.

Annabelle 2: Creation di David F. Sandberg: la recensione

Prequel dello spin-off dedicato alla demoniaca bambola rinchiusa in una teca dello scantinato della famiglia Warren, Annabelle 2: Creation racconta al pubblico le origini di un “giocattolo” decisamente inquietante. Il regista Sandberg si attiene a una classica delineazione di genere (un’isolata casa in campagna, una ragazzina curiosa accuratamente selezionata dal demone, un proprietario inquietante e l’oscurità ad avvolgere il tutto) e prosegue dritto per la sua strada. Il risultato finale è accettabile, non eccezionale.