Thor: Ragnarok di Taika Waititi: la recensione

Terzo capitolo dedicato al leggendario figlio di Odino, Thor: Ragnarok segna il cambio d’abito della Marvel. C’è chi ha parlato di deriva ridicola, parodistica, quasi demenziale; e se invece fosse semplicemente un punto di svolta, che abbraccia con più veemenza l’umorismo accennato degli altri episodi e il lato fumettistico dell’intera vicenda?

Annunci

Justice League di Zack Snyder: la recensione

Pellicola di gruppo, nella quale si sente la mancanza di un approfondimento psicologico adeguato (Flash, Aquaman e Cyborg sono new entry privi di una caratterizzazione o di un passato), Justice League è la concreta risposta della DC alla Marvel. Un film con qualche pregio, ma con diversi difetti (importanti) che vengono trascinati per l’intera durata.

Wonder Woman di Patty Jenkins: la recensione

Pellicola che racconta le origini dell’amazzone Diana, Wonder Woman è un blockbuster che sembra seguire le orme del primo Captain America. Tuttavia con il passare dei minuti si respira una progressiva stanchezza ritmica e una ripetitività scenica, che non aiuta la mitologia di un personaggio che si è presentato, ma non ha ancora, saldamente, indossato i panni dell’iconica eroina a stelle e strisce.

Guardiani della galassia vol.2 di James Gunn: la recensione

Torna la scanzonata banda di anticonvenzionali eroi in un centrifugato di musica (da cassetta) e ironico intrattenimento. Per questo secondo capitolo il regista Gunn ostenta uno sviluppo narrativo necessariamente differente ed è proprio questo approccio più introspettivo e analitico ad attrarre il pubblico, che si fa accompagnare volentieri in questa nuova avventura che può provocare dipendenza.