Star Wars: Gli ultimi Jedi di Rian Johnson: la recensione

Diretto da Rian Johnson, Star Wars: Gli ultimi Jedi non conserva la nostalgia che si era evidenziata nel primo capitolo della nuova trilogia, anzi la tematica ricorrente è quella di “cancellare il passato” (abbandonare il vecchio) per guardare al futuro (nuove generazioni di eroi e di cattivi). Nonostante l’eccessiva lunghezza e qualche forzata trovata umoristica, l’ottavo episodio della favola fantascientifica più amata del cinema è godibile e convincente.

Annunci

La mummia di Alex Kurtzman: la recensione

Azione e avventura fanno esordire il progetto Dark Universe, difatti La mummia è il primo tassello di una saga incentrata sui mostri più iconici del cinema e sul male. Un universo cinematografico che vuole emulare quelli della Marvel e della DC, caratterizzando le disavventure dei protagonisti con venature horror che non spaventano più nessuno.

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar di Joachim Ronning e Espen Sandberg: la recensione

La saga si arricchisse con l’ennesimo episodio, che però non vede più al timone Gore Verbinski ma il duo Ronning-Sandberg. Il risultato è una pellicola deja-vu del primo episodio, anche se manca il carisma di Orlando Bloom e l’ironica e seducente presenza di Keira Knightley. Inoltre Jack Sparrow è ridotto a una macchietta di se stesso, una controfigura del personaggio slapstick che, in passato, ha attirato numerosi spettatori al cinema.