Justice League di Zack Snyder: la recensione

L’unione fa la forza?

Pellicola di gruppo, nella quale si sente la mancanza di un approfondimento psicologico adeguato (Flash, Aquaman e Cyborg sono new entry privi di una caratterizzazione o di un passato), Justice League è la concreta risposta della DC alla Marvel. Un film con qualche pregio, ma con diversi difetti (importanti) che vengono trascinati per l’intera durata.

Superman è morto e l’umanità è sola e impaurita. A causa della venuta sulla Terra di una minaccia antica, Batman decide di creare una squadra per contrastarla.

Ideato da Zack Snyder (ma “impacchettato” da altri), Justice League presenta il gruppo di supereroi DC in un’unica squadra pronta a sconfiggere i nemici della Terra. Un parterre interessante che, teoricamente, dovrebbe sbaragliare la concorrenza (Marvel) e che invece si ritrova a soccombere. Tutto ciò è causato dall’errata scelta di non proseguire sulla strada già battuta dell’introspezione psicologica (deficitaria in L’uomo d’acciaio, più azzeccata in Batman v. Superman), ma di adeguare il prodotto agli avversari (combattimenti senza tregua, un villain monocorde e un umorismo appena accennato). Il risultato non è disprezzabile, ma non è assolutamente sufficiente, a causa, soprattutto di un intenso lavoro di taglia e cuci in fase di post-produzione (il montaggio è raffazzonato e si nota a occhio nudo la forzata riduzione della trama, che toglie il respiro al film e lo rende compresso, affrettato).Un peccato evitabile che mostra il fianco a evidenti accorgimenti, che non permettono la piena godibilità del film.

Justice League è un prodotto (a volte) privo d’intensità e mancante di una coinvolgente anima; dopotutto quel che si vede è la strenua lotta al male assoluto, laddove il cattivo di turno è decisamente privo di carisma e coinvolgimento. Insomma si è di fronte a un film che accenna al passato dei nuovi componenti (Cyborg è il risultato di un esperimento fallito, Flash è un adolescente con umorismo e accortezza, mentre Aquaman è spavaldo e invincibile) e che sottolinea la sete di giustizia (e un forte senso di colpa) di Batman e il coraggio di Wonder Woman. Il tutto è corroborato da una messinscena priva di quel lato caotico, egoista e malsano della società di oggi (Nolan docet), ma perfettamente aderente alla richiesta del pubblico: maggior azione, effetti speciali e minor lavoro sulle peculiarità dei personaggi.

Film che mette in mostra i suoi pregi (la squadra è funzionale ed è ben assortita) e che non riesce a nascondere gli evidenti difetti, Justice League esibisce, nonostante tutto, una possibile nuova speranza. Un franchise che deve assolutamente funzionare per poter costruire un mondo parallelo DC performante e appetibile, che deve coinvolgere il pubblico, saziando la sua sete d’avventura e accontentando i più piccoli, che facilmente s’immedesimano nel supereroe di turno.

Uscita al cinema: 16 novembre 2017

Voto: **1/2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.