Your Name. di Makoto Shinkai: la recensione

locandina8Onirica storia d’amore 

Animazione che ha sbancato il box office giapponese, Your Name. è una storia d’amore raccontata attraverso l’abusato stratagemma dello “scambio di corpi”. Tuttavia l’approccio onirico e celestiale del regista regala al film una rinnovata forza espressiva.

Un giorno Mitsuha, una ragazza di campagna, sogna di vivere nel corpo di Taki, un ragazzo di Tokyo. A sua volta Taki sogna di vivere nel corpo di Mitsuha. Inizialmente sembrano delle semplici esperienze oniriche, ma ben presto i due ragazzi si renderanno conto che è tutto reale.

Diretto da Makoto Shinkai, Your Name. è un film che esibisce un approccio narrativo estremamente occidentale (la moderna Tokyo, gli smartphone, il concetto delle sliding doors e un amore privo di confini e preconcetti) mischiato alla tradizione orientale e alla presenza divina vista come salvifica possibilità. Difatti è proprio questo miscuglio culturale a permettere allo spettatore di giungere fino alla fine di un film che, per suscitare interesse, nella seconda metà viene completamente ribaltato e fatto riavvolgere con coscienza e sapienza narrativa. Ed è proprio nella seconda porzione di pellicola che si fanno vivi quei sentimenti di sacrificio e amore, che catturano il pubblico e lo accolgono all’interno di un interessante mistero.

Insomma si è di fronte a un prodotto che sa intrattenere (con le sequenze di pura narrazione) e accattivare lo sguardo grazie alle splendide immagini (che paiono vive) di un periferico paesino tradizionale. Your Name. mette a confronto i sessi (l’eterna lotta di genere) e gli stili di vita (quello di lui è moderno, mentre quello di lei è tradizionale e dimesso) per poi farli vivere all’interno di un sogno, nel quale una cometa si dividerà e i due s’incontreranno. Un lieto fine che Shinkai abbraccia timidamente, anche se non è il dramma a dare carburante alla storia, ma la semplice sensazione che i due innamorati non si vedranno per lunghissimo tempo.

Onirico e per lunghi tratti accompagnato da una colonna sonora più adatta a un prodotto televisivo, Your Name. fatica a intercettare le emozioni del pubblico seduto in sala, ma si riconosce come un buon prodotto, che sfrutta la complessità del sogno e dei collegamenti temporali per farsi accettabile intrattenimento.

Uscita al cinema: 23 gennaio 2017

Voto: ***

Leggi l’articolo anche su Persinsala

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...