Creed di Ryan Coogler: la recensione

creedpostersmall_jpg_1003x0_crop_q85Rocky passa la mano e la saga s’inebria di nostalgia

Film che vede come protagonista il figlio di Apollo Creed, il leggendario sfidante di Rocky Balboa, Creed è un prodotto in cui scorre molta nostalgia. Strutturata come Rocky di Avildsen, la pellicola diretta da Ryan Coogler si fa apprezzare in buona parte, mettendo in mostra l’ottima interpretazione di uno Stallone decisamente sul finire della propria carriera da macho indistruttibile.

Adonis Johnson non ha mai conosciuto suo padre, il famoso campione dei pesi massimi Apollo Creed, ma ha la boxe nel sangue. Così decide di recarsi a Philadelphia e chiedere a Rocky Balboa di diventare il suo allenatore.

Al primo impatto Creed può apparire una forzata riproposizione dei temi di rivalsa già ampiamente trattati nella celebrata pellicola di Avildsen, che ha portato alla ribalta cinematografica Sylvester Stallone. Invece Coogler, pur cavalcando l’onda del successo della saga di Rocky, riesce a imprimere alla sua creatura una visione più intimista e personale. Difatti Adonis (questo è il nome del figlio di Apollo) non nutre un sentimento di rivincita nei confronti della sua difficile situazione sociale, ma nei confronti del peso del cognome del padre, che lo opprime proprio agli albori della sua carriera. Difatti Adonis (Donnie per gli amici) è il figlio illegittimo che vuole scrollarsi di dosso l’ombra da campione del padre e ciò suscita in lui sentimenti combattuti, che sul ring trovano libero sfogo e si trasformano in un misto di rabbia, determinazione e insicurezza.

Pellicola che vive del continuo confronto con il primo Rocky (è veramente impossibile riuscire a non pensarci), vede Stallone travestirsi da Mickey (il suo vecchio allenatore) e insegnare tutto ciò che conosce al giovane pugile. L’alchimia tra i due attori è intessuta da momenti ironici, familiari, dolorosi e commoventi, mentre la colonna sonora tende a sottolinearli con motivi cari ai fan della saga di Rocky, sfociando nella grandiosità del brano più celebre nell’ultimo atto di un incontro estremamente significativo.

Contraddistinto da una narrazione fluida e coinvolgente, Creed è un film dai tratti nostalgici e dalla classica struttura del prodotto che pone la forza di volontà come strumento per raggiungere i propri obiettivi. Una pellicola gradevole che, passo dopo passo, riesce anche lei a salire la famosa scalinata di Philadelphia. Tuttavia gli anni si fanno sentire e stavolta è impossibile farla di corsa.

Uscita al cinema: 14 gennaio 2016

Voto: ***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...