Il castello magico di Jeremie Degruson e Ben Stassen: la recensione

50263Buona la terza per il duo belga dietro la macchina da presa

Dai creatori delle due pellicole con protagonista la tartaruga Sammy, nasce Il castello magico, film caratterizzato da un’animazione più accurata e da un’avventura avvincente per i più piccoli.

Gli espedienti base per catturare l’attenzione degli spettatori più piccoli sono la magia e gli animali. Il castello magico li contiene entrambi e li intreccia continuamente per costruire un impianto narrativo fluido e semplice, che si sorregge su una sceneggiatura grossolana, ma convincente. Difatti i due registi (Degruson e Stassen) riescono a distanziarsi da modelli prestabiliti (la vicenda della tartaruga di mare Sammy pescava a piene mani da Alla ricerca di Nemo) e, pur non spiccando in originalità (la struttura narrativa è classica), convincono grazie a una precisa delineazione dei personaggi e a un’animazione che ripercorre gli standard internazionali.

Amicizia e avidità fanno da corollario alla storia di Tuono, un gatto che viene abbandonato per strada e che trova riparo all’interno del derelitto e confusionario “castello” dell’anziano Lawrence, uno stravagante mago inventore, che si lascia circondare da giocattoli che si muovono in autonomia, da un coniglio “padrone” e fintamente meschino (Jack) e da una topolina bianca dal labile coraggio (Maggie). Inizialmente Tuono pare una minaccia per la compagnia, eppure si dimostrerà un valoroso alleato nello scacciare l’avido nipote di Lawrence, un agente immobiliare interessato all’abitazione per ricavarne fior di quattrini.

La parabola è chiara e definita: una banda di reietti si allea per sconfiggere la gretta avidità del nipote. E a Il castello magico non si può chiedere altro. Difatti la narrazione prosegue tra qualche invenzione stilistica (il punto di vista di Tuono diviene spesso lo sguardo dello spettatore) e diversi avvenimenti ripetitivi. Tuttavia il target di pubblico è quello infantile e ricordandosi (ogni tanto), che non tutte le animazioni devono, obbligatoriamente, rivolgersi anche al pubblico adulto, si può convenire che Il castello magico è un buon intrattenimento, privo di cadute di stile, dotato di una sufficiente dose di ironia e di diversi colpi di scena.

Uscita al cinema: 1 gennaio 2014

Voto: **1/2

Leggi la recensione anche su Persinsala

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...