The Twilight Saga: Breaking Dawn – Part II di Bill Condon: la recensione

This is the end

È finita una saga amata, celebrata e che ha portato a fenomeni di fanatismo sconsiderato. Si chiude senza gloria e romanticismo.

La prima parte dell’ultimo libro scritto dalla Meyer aveva donato un’ultima sequenza nella quale un occhio si tinteggiava di sangue. Bella si sveglia vampira e non si è mai sentita più viva. Ha partorito Renesmee, una bambina mezza mortale e mezza immortale, che cresce a dismisura ed essendo una “neonata” deve provare a controllare la sua sete di sangue umano. Nel mentre il licantropo Jacob ha avuto l’imprinting con la bambina e farà di tutto per proteggerla. Ma il vero pericolo è dietro l’angolo: la piccola Renesmee viene scambiata per una bambina immortale (un’umana trasformata) e questo nella comunità vampiresca non è accettato. I Volturi vogliono giustizia e hanno intenzione di sterminare l’intera famiglia Cullen.

Noioso e macchinoso. The Twilight Saga: Breaking Dawn – Part II (2012) mette da parte il romanticismo, che aveva imperversato nei precedenti episodi, per lasciar spazio a una boriosa messinscena, eccessivamente cadenzata e finalizzata a una conclusione apparentemente esplosiva e tragica. Tuttavia neppure le sequenze finali di una saga come quella di Twilight (che sembra voler lasciare uno spiraglio aperto) esplodono in un’attesa resa dei conti sanguinaria. Nonostante questo non mancano all’appello alcune caratteristiche fondamentali che hanno reso celebre al mondo il microcosmo visionario di Twilight: lo spogliarello di Jacob, questa volta davanti a un Charlie incredulo e spaventato (l’unico spaccato volutamente ironico dell’intera saga), gli sguardi languidi di Edward in favore di camera (e di pubblico) e l’interpretazione pessima di Kristen Stewart (ormai un marchio di fabbrica registrato). Dal canto suo Bill Condon prosegue il suo lavoro di “horrorificazione” dall’ultimissima scena di Breaking Dawn – Part I. Dopotutto l’interesse di Condon è quello di dare un po’ di dignità omicida a questi amorevoli vampiri e ostentare qualche rivolo di sangue, che si palesi sui denti aguzzi degli assassini della notte. E il regista, dal punto di vista dell’ambientazione, ci riesce in pieno: vicoli bui, velate nebbie notturne e banchetti umani. Purtroppo, per quanto riguarda l’apparato narrativo, il regista si deve necessariamente piegare alla volontà del best seller. E allora ecco che compare la noia e la lentezza di una sceneggiatura che non si concentra più esclusivamente sulla coppia, ma piuttosto sulla famiglia al completo, con annesso “cane da guardia”. Neppure le situazioni involontariamente esilaranti (che si contano sulle dita, a differenza del precedente film) riescono a fare capolino in un film che per tre quarti si fa estremamente soporifero, mentre negli ultimi venti minuti si tramuta in un funzionale veicolo di un’ingiustificata attesa. Ma le adolescenti saranno rimaste contente di questo finale sognante, nel quale il forever è d’obbligo? Dopotutto non si è compreso fino in fondo il perché di una genuina follia fanatica nei confronti di un’epopea banale, superficiale e convenzionale. La storia? L’amore? Jacob? Edward?

Tirando le somme vince la famiglia (a)normale, i buoni sentimenti e i ricordi seriali e ansimanti di romantici spaccati di vita reale, che rimangono indelebili nella mente di un’immortale Bella. Tuttavia dopo 5 film e 4 libri, la domanda che sovviene immediatamente è questa: ma Edward non potevi morderla sul collo moltissimi frame fa e risparmiarci questa tortura?

Uscita al cinema: 14 novembre 2012

Voto: **

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...