Venti anni di Giovanna Gagliardo: la recensione

Crolla il muro e l’effetto domino è devastante

Un’impostazione troppo televisiva e la poca cura nello stile non aiutano il documento di sintesi storica di Giovanna Gagliardo.

Berlino, 9 novembre 1989. Cade il muro di Berlino e in quella magica notte si incontrano Giulio e Marta. Lui un italiano benestante, lei una tedesca della Germania dell’Est, vissuta in una famiglia profondamente comunista. Vent’anni dopo ritroviamo Giulio e Marta a Roma intenti a vivere nella precarietà e nell’incertezza, conseguenza di una crisi economica mondiale. Ma tra questi due avvenimenti sono passati vent’anni che Giulio e Marta ripercorrono singolarmente, tra sogni realizzati e speranze disilluse.

Docu-fiction che racconta gli ultimi vent’anni di storia contemporanea, Venti anni, diretto da Giovanna Gagliardo, utilizza come espediente narrativo le vicende di Giulio e Marta, stratagemma letterario che pone il caso come centro degli incroci personali di queste due storie. La regista alterna in modo equilibrato le due interviste e infarcisce la sua pellicola di immagini di repertorio e di fatti realmente accaduti per infondere un velo di verosimiglianza alla sceneggiatura. Attraversata pedissequamente da due sensazioni determinanti (libertà, causata dalla caduta del muro, e incertezza dovuta dalla crisi economica mondiale), la pellicola pone di fronte alla macchina da presa due personaggi, che nonostante tutto e tutti, sorridono e ricordano con estremo piacere il ventennio appena concluso. Non ci si lascia andare a facili patetismi, a rimorsi e occasioni perse, ma si assiste a un’analisi abbastanza compiuta del periodo preso in considerazione. La carriera dei due personaggi si evolve e cresce in modo esponenziale e mentre Giulio si fa largo nel mondo della finanza, Marta, culturalmente più attiva, segue il suo percorso nel campo dell’editoria. Ed è sicuramente più interessante e più empatica la vicenda di Marta, ovvero una ragazza che è cresciuta sotto il regime comunista della Germania dell’Est e ha visto sgretolarsi la famiglia, fedele al partito fino alla morte, sotto i suoi occhi. Purtroppo Venti anni, pur essendo un’operazione lodevole, che assume forza espressiva grazie all’intervento conclusivo di esperti economici e non (Pistoletto, Guido Rossi, Jean-Paul Fitoussi, Navarro-Valls e Galli della Loggia) che fanno luce sul ruolo che ha avuto il capitalismo nel periodo storico, perde dal punto di vista stilistico, mostrando il fianco a numerose falle strutturali. Le istantanee che appaiono all’interno della pellicola sono chiaramente e malamente costruite a computer, la fotografia è piatta e poco curata e la regia è statica. Naturalmente si esige una mano ferma per la realizzazione di un documentario, ma quest’analisi di due esistenze perde concretezza a causa di un’eccessiva staticità. La pellicola prosegue in modo lineare e, dovendo necessariamente saltare dall’adolescenza alla maturità (ricostruendo i momenti più significativi di Marta e Giulio), pecca nella scelta degli attori, due quarantenni che non riescono a entrare perfettamente nella parte di due ventenni, perdendo in veridicità.

La pellicola, attraverso la storia d’amore, mostra tante luci e altrettante ombre che si allungano sul passato e continuano il loro percorso sul futuro della coppia. La morale in un film del genere è centrale e necessaria e allora ecco che nelle sequenze conclusive Giulio e Marta, dopo aver ascoltato inconsapevolmente la surreale digressione degli esperti sopracitati, si rivolgono al pubblico in sala, abbracciati e sorridenti, appiattendo l’apporto significativo di Venti anni, aggrappandosi a una morale stucchevole e raffazzonata. L’incertezza è ormai il pane della vita ed è evidente che il mondo stia notevolmente mutando, di nuovo, di fronte ai nostri occhi. Non si richiede a Giovanna Gagliardo la ricetta della felicità o la risoluzione di tutti i problemi, ma almeno una risposta illuminante, non uno sbiadito dato di fatto.

Uscita al cinema: 15 giugno 2012

Voto: **1/2

Leggi la recensione anche su Persinsala

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...