Super di James Gunn: la recensione

L’eroe che si nasconde tra una vignetta e l’altra

Piantato in asso dalla moglie per un delinquente e trovatosi improvvisamente solo, Frank  muoverà i suoi primi passi da (super)eroe, indossando un goffo costume e un fare irriverente. Infatti Super (2010) spoglia l’eroe metropolitano delle classiche vesti (i superpoteri), gli pone in mano una chiave inglese e gli inculca nelle mente una missione divina, sulle orme del supereroe televisivo Santo Vendicatore.

La pellicola di James Gunn è puramente ironica, gioca con le allucinazioni del protagonista e ne ostenta la violenza distruttrice e a tratti incomprensibile (corpi mutilati e ossa fratturate), in modo fumettistico e mai disturbante. Al suo fianco si pone una fedele aiutante, una nerd profondamente arrogante (Ellen Page, che qui recupera Juno e la sua irriverenza), che lo segue per le strade della periferia statunitense mossa da un senso goliardico, e da una visione della vendetta non universalmente riconosciuta, ma puramente soggettiva. A Frank non interessa fino in fondo che la moglie l’abbia lasciato, ma l’essere stato piantato per un uomo odioso: uno spacciatore della peggior specie. La sua è una vendetta personale (arricchita di romanticismo e sentimentalismo) e il vero motivo non viene celato dal regista Gunn, anzi ne vengono sottolineate le peculiari caratteristiche, esaltando l’eroe, le sue gesta e giustificando a pieno il suo atteggiamento.

Dopotutto dietro la maschera, dietro i movimenti innaturali e la corsa goffa del super-moralizzatore, si nasconde un uomo qualunque che ha come unico obiettivo riconquistare la donna amata e nulla più, ma che non disdegna l’omicidio di un passante, reo di aver saltato la fila. Gunn delinea un anti-eroe determinato e sorprendentemente vero (no al kung-fu e no alla palestra), in lotta con la piccola criminalità e che è talmente inesperto che si deve documentare in una fumetteria.

Pellicola agrodolce e dal finale assolutamente non scontato (ma che mette in evidenza un enorme lato umano), Super si attesta come film innovativo e anticonvenzionale, un’equilibrata commistione di comicità fumettistica e di elementi splatter, corroborata da una calzante e coinvolgente colonna sonora.

Uscita al cinema: 21 ottobre 2011

Voto: ***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...