Cars 2 di John Lasseter e Brad Lewis: la recensione

Chi trova un amico, trova una…macchina!

Secondo episodio del film d’animazione prodotto e distribuito dalla premiata ditta Disney-Pixar. Al timone della nuova avventura di Saetta McQueen troviamo il guru Lasseter, che sviluppa parallelamente due storie differenti: da una parte troviamo una spy story con al centro Cricchetto e dall’altra l’innovativo e intrigante campionato World Gran Prix.

Il parco macchine si amplia in modo esponenziale e a fianco di McQueen troviamo macchine da corsa che lo hanno accompagnato negli ultimi quattro anni di vittorie. Radiator Spring si allontana e gli amici di Saetta si imbarcano in un viaggio in giro per il mondo. La morale palpita sotto l’animazione dettagliata e precisa dello studio Pixar (che convince realizzando una caratterizzazione ancora più particolareggiata dei protagonisti della vicenda) e viene prepotentemente esternata durante tutto il film.

Non è un caso che la pellicola si concentri principalmente su Cricchetto,  catorcio e amico fidato del protagonista, accantonato perché imbarazzante e non adatto ai “salotti” bene dei circuiti mondiali. L’importanza di un’amicizia si paleserà davanti ai fanali di McQueen come un’illuminazione a ciel sereno.

Naturalmente il finale non può che essere scontato, ma non è importante. Fondamentale è come ci si arriva, concentrando le forze sulle geniali trovate del team Pixar, che in tutto e per tutto si rifà al cinema di James Bond. Le movenze umanoidi che contraddistinguono questa pellicola sono ancora più accentuate e interessanti sono le evoluzioni alla 007 degli agenti segreti, che si ritrovano a dover evitare un disastro su scala mondiale.

Cars 2 (2011) mostra un McQueen insensibile (più del primo episodio) che viene completamente eclissato dalla comicità e dalla sbadataggine di Cricchetto (vero protagonista della pellicola), che sovrasta totalmente i personaggi di contorno (Luigi, Mel Dorado e Guido), relegati sullo sfondo dell’opera d’animazione. Per tutti i bambini Saetta è pura velocità, ma dopo questo capitolo cominceranno ad apprezzare a fondo l’infantile e fedele amico del cuore. Cars 2 convince e diverte e dimostra che il sequel non sempre è peggiore dell’originale.

Uscita al cinema: 22 giugno 2011

Voto: ***

Annunci

Un pensiero su “Cars 2 di John Lasseter e Brad Lewis: la recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...