Mozzarella Stories di Edoardo De Angelis: la recensione

Mozzarella Stories: DOP o FLOP?

Sullo sfondo di una “guerra di caglio”, che vede coinvolti un imprenditore di mozzarella locale e un “casaro” cinese, si intrecciano e si sovrappongono storie surreali e grottesche.

Ciccio DOP, importante produttore di mozzarelle di bufala e protagonista indiscusso dell’età dell’oro bianco, vive un periodo di crisi incontrollabile a causa dell’avvento di un gruppo di cinesi che vendono, a metà prezzo, prodotti di qualità e dal sapore eccellente. Disperato e oppresso dalle tangenti da pagare al losco Mastru Pascale, cercherà il modo di risollevare la sua azienda.

Lasciandosi alle spalle come suggestivo fondale la città della Reggia e utilizzando come accompagnamento musicale il neomelodico campano, De Angelis affronta il problema della crisi italiana superficialmente, pur effettuando un violento cambio di registro dalle prime inquadrature – feste e divertimento nel 1999, la cosiderra età dell’oro bianco – alle successive, che mostrano una situazione di chiara desolazione e apparente miseria.

Tutti i personaggi, dal primo all’ultimo, rientrano in questa dimensione di squallore e vengono affrontati singolarmente per tutta la durata della pellicola. De Angelis piega al proprio servizio un cast di interpreti “ignoti” , protagonisti di apparizioni sporadiche in televisione e al cinema, nel quale spiccano Luisa Ranieri – attrice ultimamente apprezzata inImmaturi e che si rimette in discussione in un’opera prima – e Massimiliano Gallo – ammirato come boss spietato e arrogante nell’ultima pellicola di Marco Risi, Fortapasc – nella parte del fallito cantante neomelodico napoletano.

L’opera d’esordio di Edoardo De Angelis convince a metà: se l’espediente, utilizzato per riuscire a raccontare diverse storie che hanno in comune solo la vicinanza con l’azienda agricola di Ciccio DOP, è valido, lo stesso non si può dire per lo svolgimento poco fluido delle vicende prese in esame. Una pellicola che vive di troppi momenti morti e che effettua una commistione di generi eccessivamente varia. Mozzarella Stories è grottesco, noir, commedia, melodramma, musical e mafia-movie e, come se non bastasse, i personaggi si muovono in un universo circense e allegorico, che ricorda lucidamente le pellicole del regista Kusturica (mentore e produttore). Un calderone di elementi che esagera, volendo mostrare troppo senza prendere in modo deciso una direzione e perseguirla per l’intera durata della pellicola. Ricordando e omaggiando, in salsa italica, la comicità grottesca e surreale dei Coen (non riuscendoci del tutto), De Angelis non salva niente e nessuno – a parte il gentil sesso – mostrando un finale nichilista e sanguinario, che ricalca (in parte) anche l’universo violento tarantiniano.

Adoperando una fotografia colorata e luminosa, che rispecchia fedelmente il mondo campano in cui si muovono gli interpreti, il regista casertano, autore anche della sceneggiatura, perde ben presto il filo del discorso, unendo troppi sapori differenti. Sebbene presenti un inizio scoppiettante, la pellicola diventa prevedibile, noiosa e priva di picchi innovativi, a causa di una repentina inversione di rotta caratterizzata da un ritmo spesso svogliato. Nonostante tutto De Angelis compie esercizi di stile apprezzabili, utilizzando un movimento di macchina fluido e tendendo a soffermarsi in modo funzionale e suggestivo sui personaggi più significativi della pellicola.

Perdendo le sue proprietà genuine, Mozzarella Stories lascia insoddisfatti rivelandosi una buona mozzarella di marca acquistata al supermercato, piuttosto che una “bufala” di qualità.

Uscita al cinema: 23 settembre 2011

Voto: **1/2

Leggi l’articolo anche su Persinsala

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...