Cowboys & Aliens di Jon Favreau: la recensione

1875: gli alieni invasero la terra

Fantastico e western si fondono nel nuovo film del regista Marvel, Jon Favreau, ideatore di Iron Man e Iron Man 2.

Jake Lonegan, interpretato dal glaciale Daniel Craig, si ritrova – confuso e con un misterioso braccialetto al polso – nel territorio desertico e polveroso del New Mexico. Muoverà i suoi primi passi come uomo senza passato nella cittadina di Absolution, paese stretto nella morsa della paura a causa del comportamento del tirannico Colonnello Dolarhyde (Harrison Ford). Ma i veri cattivi appariranno ben presto su oggetti volanti non identificati.

Ambientato nel periodo della febbre dell’oro, Cowboys & Aliens si lancia nell’arduo compito di far convivere fantastico e western, due generi cinematografici che hanno fatto la fortuna dell’industria statunitense. Tratto dall’omonima graphic novel scritta da Rosenberg, la pellicola pone al centro della vicenda lo straniero privo di memoria Lonegan. Inizialmente è lui la vera minaccia per i cittadini del Vecchio West; ben presto rappresenterà l’unica ancora di salvezza per sconfiggere i demoni, piombati all’improvviso sulle loro teste. Siamo nel 1875 e gli abitanti etichettano gli invasori non come alieni venuti da qualche lontano pianeta, ma come demoni, sbarcati dall’inferno, probabilmente, per rapire e saccheggiare. Per l’intera durata del film la definizione rimane loro marchiata a fuoco e dopotutto è più che giustificata; non ci troviamo in una società contemporanea che ha familiarità (dal punto di vista cinematografico e televisivo) con attacchi di marziani o vesuviani. Per i poveri cittadini di Absolution non esiste materia di confronto e di conseguenza, facendo fede ai dettami della chiesa, gli alieni vengono catalogati come presenze demoniache.

L’ingenuità mostrata dai protagonisti è disarmante, ma anch’essa scusata. Le uniche armi che hanno a disposizione sono pistole e frecce, decisamente innocue, ma nonostante tutto riescono a sconfiggere gli “stranieri”, imbastendo un improbabile alleanza con i guerrieri indiani Apache e uno scalcagnato manipolo di delinquenti, accantonando le reciproche divergenze. Determinante è l’aiuto di Daniel Craig – svestito l’aplomb inglese dell’agente segreto 007, perfetto nell’interpretare il misterioso cowboy Lonegan – sul quale abilmente lo script si concentra e in modo accattivante ricostruisce il passato prossimo e la sua identità. Altro tassello positivo di Cowboys & Aliens è l’ispirato Ford che troviamo nell’inedito ruolo di “tiranno” dal cuore d’oro, che riscopre mano a mano un’umanità celata dalle mascelle serrate.

Nonostante una fotografia suggestiva che indugia sui canyon brulli del deserto statunitense, rimandando alle pellicole con protagonista Eastwood carissime agli spettatori statunitensi, il ritmo non la valorizza a sufficienza e la pellicola risulta troppo spesso lenta e compassata. Il mix tra i generi – cuore dell’impresa ardita del regista Favreau – non decolla e, se riesce a ottenere un risultato migliore rispetto alla commistione tecno-western di Wild Wild West, sembra che la convivenza stoni in modo stridente. L’azione esplosiva poco si sposa con l’ambientazione costruita dal regista, non convince neanche la costante ricerca dell’elemento a effetto a tutti i costi a discapito degli aspetti di contorno della sceneggiatura. Ulteriore unto a sfavore della pellicola è l’utilizzo della macchina da presa di Favreau, che si concentra solamente sul gruppetto di paladini a cavallo senza mai spostare il punto di vista sugli estranei aggressori (naturalmente bipedi, cercatori e estrattori di oro, prezioso e raro anche per loro), di cui non sappiamo nulla di concreto.

Hollywood – capitanata dal lungo stuolo di filmmakers che ha partecipato alla produzione – si incarica nuovamente di esorcizzare le paure degli americani per l’invasore che distrugge tutto e tutti e realizza una pellicola di pura evasione, pur sostenuta da un progetto interessante, che però sprofonda a causa della mancanza di suspense e di un finale caotico e confusionario.

Uscita al cinema: 14 ottobre 2011

Voto: **

Leggi l’articolo anche su Persinsala

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...