Le amiche della sposa di Paul Feig: la recensione

La commedia al femminile prende al volo il bouquet

Commedia divertente tutta al femminile con protagonista la caratterista del Saturday Night Live Kristen Wiig.

Annie è una donna single, completamente al verde e con alle spalle un’attività fallimentare. La sua migliore amica, Lillian, riceve la proposta di matrimonio e sarà per Annie l’occasione di risollevare la propria banale vita, organizzando per la sposa la miglior cerimonia possibile.

L’antagonista Helen, bella e “perfettina”, cercherà di soffiarle il posto di prima damigella d’onore. Le amiche della sposa, concentrato di risate e situazioni surreali, stupisce positivamente e si appresta ad approdare nelle sale italiane dopo aver sbancato il botteghino statunitense. Il regista Paul Feig si avvale di un cast del quale la regina indiscussa è Kristen Wiig, attrice su cui ruota in modo vertiginoso l’intero film. Presente in quasi tutte le inquadrature, la Wiig riempie lo schermo cinematografico grazie a battute taglienti e riuscite smorfie comiche. Al suo fianco spicca sicuramente Melissa McCarthy (Megan), una Zach Galifianakis (alias Alan di Una notte da leoni) al femminile, sovrappeso e costantemente sopra le righe, in contrapposizione, in modo netto e definito, alle altre co-protagoniste della commedia, rivelando anche un inaspettato lato mascolino, rappresentazione della dimensione comica maschile che il regista, Paul Feig, ha escluso dal film.

Le amiche della sposa ricalca abbastanza fedelmente i classici wedding movie americani dove al personaggio principale, solo e ridotto in povertà, viene contrapposto il personaggio ricco e tirato a lucido (per l’occasione una Rose Byrne, attrice che interpreta Helen, perfetta nei suoi piagnistei e nella sua scorza aristocratica e spocchiosa).

Decisamente comprimarie e ai margini della vicenda le altre due damigelle d’onore, Rita e Becca, che con il proseguo della pellicola subiscono l’effetto dominante della Wiig, su cui la sceneggiatura (di cui lei è collaboratrice) si concentra forse eccessivamente, facendo pensare che il film si sarebbe potuto chiamare L’amica della sposa.

Una pellicola divertente (ben scritta e recitata con tempi cinematografici perfetti) che scivola in modo fluido e spassoso fino alla conclusione, quando esibisce un lieto fine scontato, ma non raffazzonato e sbrigativo.

Uscita al cinema: 19 agosto 2011

Voto: ***

Leggi l’articolo anche su Persinsala

Annunci

2 pensieri su “Le amiche della sposa di Paul Feig: la recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...