Machete di Robert Rodriguez: la recensione

La vendetta è un taco messicano

Il rilancio dei B-movies continua. Sangue a litri, arti mozzati e situazioni surreali sono solo alcuni degli elementi di contorno di Machete (2010), ultimo film di Robert Rodriguez presentato fuori concorso all’ultima Mostra del cinema di Venezia.

Il regista dirige una revenge-story irrazionale e priva di veridicità, con unico e vero protagonista Danny Trejo. Machete è un ex agente federale messicano a cui viene ammazzata l’intera famiglia sotto i propri occhi dal barone della droga Torrez (Steven Seagal). Catapultato sul confine statunitense, il nostro eroe cercherà la sua vendetta personale, contro tutti e a tutti i costi.

La pellicola, inizialmente nata come fake trailer apparso tra i due film Grindhouse: a prova di morte (Grindhouse: Death Proof, 2007) e Grindhouse: Planet Terror (2007), diventa subito un cult e, immediatamente dopo,  un lungometraggio intriso di una violenza talmente ostentata e irreale che non impressiona assolutamente.

Rodriguez non pone attenzione alla sceneggiatura, accozzaglia di combattimenti all’arma bianca, ma si concentra principalmente sulla caratterizzazione estrema dei personaggi, differenziando in modo netto i buoni (messicani) dai cattivi (statunitensi). L’azione e la sua esibizione sono gli elementi centrali di una pellicola che idealmente stringe un patto con lo spettatore, che si aspetta di vedere qualsiasi cosa e lo accetta in modo totale.

A differenza di Grindhouse: Planet Terror, dove l’obiettivo era dichiarato e incontrovertibile – omaggiare il filone che ha caratterizzato il periodo d’oro dei drive-in negli Usa, utilizzando espedienti riconoscibili (pellicola graffiata e bruciata) –, qui Rodriguez non si serve di questi “mezzucci”, ma racconta una storia di spietata vendetta, adoperando una fotografia caratterizzata da tinte molto forti e degli effetti speciali palesemente artificiali. La partecipazione di numerosi attori celebri (relegati anche in piccole apparizioni) e le numerose scene cult (tutte con protagonista un Danny Trejo, perfetto per il ruolo e di pochissime parole), rendono Machete un piccolo gioiello che produrrà un lungo strascico di ammiratori e imitatori.

Uscita al cinema: 6 maggio 2011

Voto: ***

Annunci

Un pensiero su “Machete di Robert Rodriguez: la recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...